Archivio

Archive for luglio 2005

Contra calcem

30 luglio 2005 4 commenti

Sempre più spesso mi domando in che razza di paese io viva… Un paese in cui diecimila tifosi del Genova invadono in corteo le vie della città, bloccano il casello autostradale o il porto, perché la loro squadra è stata retrocessa in serie C per "illecito sportivo"! Ora, al di là del fatto che le regole sono regole e che quindi non si possono comprare le partite, a prescindere ora da quale sia la realtà, che non conosco (ma immagino che neanche quei diecimila sappiano bene come siano andate le cose), io non ci posso credere. Non posso credere che il calcio sia così importante per queste persone, tantopiù ora che si è ridotto praticamente ad un mercato in cui, oltretutto, chi paga è chi va allo stadio e chi vede le partite a pagamento. Quando c’è stata la crisi della Parmalat non mi pare di aver visto nessun corteo a reclamare i propri risparmi che erano stati investiti in una società che le banche SAPEVANO essere sull’orlo del baratro (almeno finanziariamente); è questo l’assurdo di questo paese, e di esempi se ne potrebbero fare a decine.

Certo, il calcio dà emozioni, non voglio assolutamente denigrarlo come sport; il fatto è che, ormai, in Italia, il calcio (e non solo il calcio) non è più uno sport, ma un commercio, e mi sorprende che in tanti non se ne siano ancora accorti. Lo scandalo del calcio-scommesse, le false fideiussioni… ma non va forse tutto a danno di chi vuole un calcio vero? Per farlo tornare ad essere uno sport penso ci sia un solo modo: non finanziarlo più. Certo è che, se diecimila genovesi vivono per il calcio, in un paese dove al parlamento si è approvato il "salva-calcio" (ma perché IO devo essere costretto a pagare per coprire i debiti delle società di calcio?), e dove il primo ministro è presidente di una squadra di calcio, penso proprio che bisognerà sopportare ancora a lungo.

Il "salva-calcio" è uno scandalo. In un’economia globale e libera non si può favorire una società piuttosto che un’altra. Perché le società di calcio italiane (e la FIAT) devono essere avvantaggiate rispetto a le altre società di tutto il mondo? Ci dicono: "perché non ci può rimettere la gente, che vuole vedere il calcio", ma, così facendo, è proprio la gente che ci rimette.

Veniamo presi in giro continuamente in questo paese, ma, alla luce di quanto è successo, forse la maggior parte di noi se lo merita.

Annunci