Archive

Archive for agosto 2006

Karl Richter

31 agosto 2006 14 commenti
Karl Richter all'organo

A poco più di 25 anni dalla scomparsa di questo grande organista e direttore d’orchestra, mi piace ricordarlo con questo coinvolgente racconto di Federico Borsari, tratto da uno dei suoi siti web (http://xoomer.virgilio.it/fborsari):

«Parlare di Karl Richter è per chi scrive tornare indietro nel tempo di tanti anni e ripescare ricordi musicali ed organistici che sempre rimarranno indelebili nella memoria.
Ho avuto modo di ascoltare dal vivo un concerto di Karl Richter sull’organo Serassi di Serravalle Scrivia (uno dei migliori e più grandi strumenti realizzati da questa storica ditta) nel Settembre dell’ormai arcaico anno 1971. Avevo allora sedici anni, l’organo era la mia passione già da diverso tempo e le incisioni discografiche di Richter erano per me l’assoluto dell’interpretazione bachiana organistica. Richter arrivava a Serravalle preceduto dalla sua grandissima fama di sommo vate della musica del Kantor di Lipsia e da una ben meno lusinghiera fama di bevitore accanito di buon vino, cosa che faceva affermare ai suoi detrattori locali che le sue performances organistiche “live” ben diverse sarebbero state rispetto a quelle di cui faceva sfoggio in sala di incisione. Ma ben poco mi importava di questa del tutto secondaria nomèa e così, insieme ad un amico, fummo con ben notevole anticipo sul luogo del misfatto. Il concerto era fissato per le quattro del pomeriggio e alle due e mezza i posti a sedere erano già tutti occupati; un’ora dopo c’era chi si doveva accontentare di sedersi per terra o a cavalcioni delle balaustrate degli altari mentre i soliti ritardatari dovettero rimanere fuori.
Le quattro erano suonate da pochi minuti quando Karl Richter, in completo blu notte, giacca, cravatta e panciotto, si affacciava dalla balconata dell’organo per ricevere il primo, fragoroso applauso. E via ad incominciare. In programma tutto Bach e tutto a memoria: Passacaglia, Preludi e Fughe, Corali, Variazioni, e chi più ne ha più ne metta. Dopo il primo brano Richter si toglie la giacca, dopo il secondo scompare il panciotto, dopo il terzo è la cravatta a volare via mentre dal quinto brano il Nostro suona in maniche rimboccate di camicia. In chiesa silenzio di tomba, tutti ipnotizzati, tutti col naso volto all’insù verso quella che, indubitabilmente, è solo ed esclusivamente MUSICA, la musica del grande Johann Sebastian Bach che rivive sotto le dita di questo Grande Organista e che si rovescia su di noi, annullando ogni nostra reazione critica ed ogni tentativo di ribellione… Siamo tutti affascinati e rapiti dal modo di interpretare di quello che è, e si conferma, uno dei più grandi interpreti di tutti i tempi.
Non è previsto intervallo e lui, lassù, macina un brano dopo l’altro, senza stancarsi, senza tentennare, senza un benché minimo segno di debolezza. Dopo ogni brano viene giù la chiesa dagli applausi e lui, infaticabilmente, si risiede alla consolle e ce ne propone un altro. Ormai il programma di sala è terminato; si parte con i bis, che poi bis non sono perché Richter propone altri brani di Bach. Uno, due, tre, quattro… non li contiamo più, e lui continua imperterrito a suonare e a ricevere applausi ed ovazioni senza fine. Ragazzi, forse non lo avete capito, ma Bach è proprio qui tra di noi!
Finalmente si spengono le note dell’ultima Fuga e, dopo un’ovazione da stadio, Karl Richter si ritira. Ancora abbacinati da tutto questo ben di Dio, ritroviamo l’intelletto per guardare l’orologio… sono quasi le sette di sera!.. Richter ha suonato per quasi tre ore senza fermarsi mai… Dopo non aver creduto alle nostre orecchie, quasi non crediamo ai nostri occhi.
Questo è stato, per me, Karl Richter.
Karl Richter nasce a Plauen il 15 ottobre 1926. All’età di dodici anni inizia a frequentare la Kreuzschule di Dresda, dove inizia lo studio dell’organo. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, lo troviamo allievo di Straube e Ramin presso il Kirchenmusikalisches Institut di Lipsia. Terminati gli studi assume l’incarico di organista presso la Thomaskirche di Lipsia, degno successore del grande Johann Sebastian Bach. Si trasferisce poi a Monaco, dove insegna, a partire dal 1951, presso la Staatliche Hochschule für Musik. Nella stessa città è organista presso la chiesa di San Marco e diventa direttore del Münchner Bach Chor, un ensenble corale che sotto la sua direzione assumerà un’importanza a livello internazionale per le perfette ed ineguagliabili interpretazioni delle Cantate bachiane, che proporrà anche in incisioni discografiche che ancora oggi rimangono punti fermi nell’interpretazione dell’opera di Bach.
Attivissimo come organista, Konzertmeister e Kapellmeister, Karl Richter diventa ben presto, assieme ad Helmut Walcha, uno dei più grandi interpreti bachiani di tutti i tempi ed intraprende con enorme successo la carriera concertistica internazionale, che lo porta ad esibirsi in ogni parte del Mondo per proporre forse una delle migliori interpretazioni bachiane che si siano mai potute ascoltare. Incide moltissimi dischi sia come organista e clavicembalista, sia come direttore dell’Orchestra Bach di Monaco (un’altra formazione che sotto la sua direzione assurgerà a fama internazionale) e del già citato Münchner Bach Chor.
Karl Richter muore a Monaco il 15 Febbraio 1981, a soli cinquantacinque anni, dopo essere stato, senza alcun dubbio, uno dei più grandi organisti del secolo scorso e, sicuramente, uno dei più grandi interpreti bachiani di tutti i tempi. La sua figura musicale campeggia e giganteggia nel panorama musicale internazionale e la sua attività e la sua opera nel campo della riproposizione e valorizzazione del repertorio bachiano hanno aperto la strada a quella che, attualmente, è la nuova filologia storico musicale secondo la quale la figura e l’opera del Kantor di Lipsia hanno assunto ed assumono sempre più un’importanza ed una vitalità che ogni giorno si accresce di nuove, importanti scoperte.»

Fonte: Gli arretrati de La Pagina dell’Organo, di Federico Borsari.

Per chi, come il sottoscritto, non ha mai potuto vederlo e sentirlo suonare dal vivo, queste belle testimonianze, insieme all’ascolto dei suoi dischi, rappresentano l’unica via per sognare.

Fotografie tratte da: http://karlrichtermunich.blogspot.com

L’organo Steinmeyer della Herkules-Saal della residenza di Monaco

7 agosto 2006 14 commenti

Grazie alla gentile collaborazione della fabbrica di organi Steinmeyer abbiamo la disposizione fonica dell’organo della Sala Ercole della Residenza di Monaco, con il quale Karl Richter ha inciso:

  • Mozart: Fantasia in fa minore K. 608 (per organo meccanico)
  • Brahms: 11 Preludi-Corali op. 122
  • Liszt: Preludio e fuga sul nome BACH, S. 260

Queste registrazioni si trovano nel quinto CD del box Karl Richter: A Universal Musician (477 6210) ed erano state rilasciate molti anni fa sotto forma di LP.

Copertina dell'LP "Karl Richter all'organo Steinmeyer"
LP con Richter allo Steinmeyer
Copertina del cofanetto "Karl Richter - A Universal Musician"
Box «A Universal Musician»

La Steinmeyer Orgelbau mi ha subito cortesemente inviato per posta la disposizione dell’organo in questione e dunque merita i miei più sentiti ringraziamenti per la disponibilità mostrata.

Un grazie anche a Gianluca, che mi ha illuminato sulla possibilità di scrivere su più colonne.


Steinmeyer-Orgel im Herkules-Saal, München (1962)

Fotografia dell'organo Steinmeyer della sala di Ercole della Residenza di Monaco di Baviera
Foto tratta dal sito www.vokal-ensemble-muenchen.de

Trasmissione elettrica

I. Hauptwerk – [C-g”’]
Prinzipal 16′
Bordun 16′
Prinzipal 8′
Gemshorn 8′
Gedackt 8′
Praestant 4′
Querflöte 4′
Nasard 2 2/3′
Octav 2′
Waldflöte 2′
Mixtur 6-8fach 1 1/3′
Cornett 5fach 8′
Rauschpfeife 5fach 2 2/3′
Trompete 16′
Trompete 8′
Clarine 4′

II. Seitenwerk – [C-g”’]
Quintade 16′
Harfenprinzipal 8′
Viola 8′
Gedackt 8′
Singend Prinzipal 4′
Nachthorn 4′
Prinzipal 2′
Blockflöte 2′
Quinte 1 1/3′
Septime 1 1/7′
Scharf 5fach 1′
Terzzimbel 3fach 1/6′
Dulcian 16′
Krummhorn 8′
Rohrschalmei 4′

* Tremulant

III. Schwellwerk – [C-g”’]
Gedackt 16′
Holzprinzipal 8′
Salicional 8′
Dulziangedackt 8′
Geigenschwebung 8′
Ital. Prinzipal 4′
Koppelflöte 4′
Quintade 4′
Quint 2 2/3′
Nachthorn 2′
Terz 1 3/5′
Sifflöte 1′
Plein jeu 7-9fach 2′
Basson 16′
Oboe 8′
Helle Trompete 4′

* Tremulant

IV. Kronwerk – [C-g”’]
Kupfergedackt 8′
Spizflöte 8′
Praestant 4′
Rohrflöte 4′
Gemsquinte 2 2/3′
Octav 2′
Quintan 2fach 1 1/3′ + 8/9′
Scharff-Mixtur 5fach 1′
Rankett 16′
Musette 8′
Regal 4′

* Tremulant

Pedal [C-f’]
Prinzipalbaß 16′
Subbaß 16′
Streichbaß 16′
Gedacktbaß 16′
Quint 10 2/3′
Oktavbaß 8′
Bordun 8′
Choralbaß 4′
Gedacktpommer 4′
Hornpfeife 2′
Baßzink 4fach 5 1/3′
Pedalmixtur 6fach 2 2/3′
Posaune 16′
Sordun 16′
Trompete 8′
Trompete 4′
Singend Cornett 2′

Pur essendo uno strumento di grandi dimensioni, il suono risulta chiaro e brillante. Si identifica ogni voce senza problemi tanto che dall’ascolto non si direbbe di trovarsi di fronte a uno strumento con 75 registri. Con tutti questi timbri a disposizione Karl Richter rende originale ogni esecuzione, inclusi i corali di Brahms. Inoltre uno strumento di questo genere garantisce una dinamica molto ampia: basta ascoltare Liszt e Mozart per apprezzare i passaggi dal pianissimo a fortissimo e i crescendo.

Siti utili: Orgelbau SteinmeyerDeutsche GrammophonEncyclopedia of Organ Stops.

organ orgel orgue varhany disposition specification specifications stoplist stop list stops

Il grande organo Silbermann della cattedrale di Freiberg

2 agosto 2006 6 commenti

Nell’ottavo CD del cofanetto Karl Richter: A Universal Musician, Richter accompagna il tenore Peter Schreier col grande organo Silbermann della cattedrale di Freiberg. Poiché nel libretto che accompagna il cofanetto non è presente alcuna informazione su quest’organo, qui trovate la disposizione fonica, tratta da un sito internet e dal libretto dell’album Orgelwerke – Karl Richter (immagine in basso), sempre della Deutsche Grammophon.


Grosse Gottfried-Silbermann-Orgel im dom zu Freiberg (1711-1714)

Consolle dell'organo Silbermann della cattedrale di Freiberg Facciata dell'organo Silbermann della cattedrale di Freiberg

Foto tratte da www.robertocanali.it (sinistra) e www.baroquemusic.org (destra)

Hauptwerk (organo principale) – [C, D – c”’]
Bordun 16′
Principal 8′
Rohrflöte 8′
Viol di Gamba 8′
Octava 4′
Quinta 2 2/3′
Superoctav 2′
Tertia (1 3/5′)
Mixtur 4fach
Cimbeln 3fach
Cornet c’ 5fach
Trompet 8′
Clarin 4′

Brustwerk (positivo all’altezza del petto) – [C, D – c”]
Gedackt 8′
Principal 4′
Rohrflöte 4′
Nassat 2 2/3′
Octava 2′
Tertia 1 3/5′
Quinta 1 1/3′
Sufflöt 1′
Mixtur 3fach

Oberwerk (organo alto) – [C, D – c”’]
Quintadehn 16′
Principal 8′
Gedackt 8′
Quintadehn 8′
Octava 4′
Spitzflöte 4′
Superoctav 2′
Flaschflöt 1′
Mixtur 3fach
Zimbeln 2fach
Echo c’ 5fach
Krumbhorn 8′
Vox humana (8′)

Pedal – [C, D – c’]
Untersatz 32′
Octavbaß 16′
Principalbaß 16′
Subbaß 16′
Octavbaß 8′
Octavbaß 4′
Pedalmixtur 6fach
Posaunenbaß 16′
Trompetenbaß 8′
Clarinbaß 4′

Spielhilfen (accessori): Tremulant und Schwebung, Manualschiebekoppeln (Unioni), Sperrventile
Unioni: OW/HW; BW/HW.


Come già accennato nel precedente articolo, con questo strumento sono state registrate da Karl Richter altre tre composizioni di Bach, in particolare:

  • Toccata e fuga in re minore "Dorica", BWV 538
  • Partite diverse sopra «Sei gegrüßet, Jesu Gütig», BWV 768
  • Passacaglia in do minore, BWV 582

Queste incisioni sono state rimasterizzate nel 2004 e sono disponibili da più di un anno nel terzo disco dell’album Orgelwerke – Karl Richter, della Deutsche Grammophon, mentre fino a qualche anno fa le stesse registrazioni erano disponibili come CD singolo della Archiv Produktion, ora fuori catalogo e di cui trovate la copertina in basso.

Copertina album Bach: Orgelwerke / Karl Richter
Bach: Orgelwerke / Richter (3 CD)
Copertina album fuori catalogo Bach: Passacaglia / Karl Richter
Disco Archiv fuori catalogo

Siti utili: The Historic Organ in the Freiberg CathedralDeutsche Grammophon
Encyclopedia of Organ Stops.

Fotografie dell’organo tratte dal sito www.baroquemusic.org

organ orgel orgue varhany disposition specification specifications stoplist stop list stops